Alla mia veneranda età devo accontentarmi ma il mio spirito mi porterebbe ancora a dare del gas. Per me la moto non è semplicemente viaggiare, è il bisogno di sensazioni forti, l’essere sempre disposto a misurarsi con gli altri e magari però, anche a mollare il gas quando il rischio diventa troppo evidente. Non sono un amante dei giri in gruppo perché si finisce per prendere o far prendere dei rischi inutili, preferisco i soliti amici “fidati” le strade conosciute a memoria o magari andare a passeggio da solo. C’è chi mi definisce un “asociale” e forse non ha torto ma quando chiudo la visiera sono nel mio mondo e se anche sono solo, infondo, non è un grosso problema.